sabato , 24 giugno 2017

Home » Dai musei » mobile » Le case-museo di Milano giocano coi chatbot

Le case-museo di Milano giocano coi chatbot

dicembre 19, 2016 3:49 pm by: Category: mobile Leave a comment A+ / A-

I visitatori di quattro case-museo milanesi (Museo Poldi Pezzoli, Museo Bagatti Valsecchi, Villa Necchi Campiglio e Casa-Museo Boschi Di Stefano) potranno presto giocare un’avventura digitale che li porterà a scoprire dettagli inediti e affascinanti dei musei e del quartiere che li circonda.

E per fare questo  basterà avere installato Facebook Messenger o Telegram, il sistema di messaggistica di Facebook usato da oltre 900 milioni in tutto il mondo. 

I visitatori potranno interagire con un personaggio virtuale (un chatbot) che li porterà a scoprire man mano le splendide case-museo milanesi, giocando un’avventura alla caccia di indizi per sconfiggere un misterioso mago del Rinascimento realmente esistito.

I chatbot sono sistemi automatici che chattano con gli utenti via Facebook Messenger o Whatsapp, rispondendo ai loro messaggi e aiutandoli in compiti complessi come la selezione del miglior biglietto aereo o la risoluzione di guasti.

La novità milanese non consiste solo nell’usare un chatbot in ambito museale (diversi musei lo stanno già facendo, tra cui in Italia il MART di Rovereto), ma di usarli per costruire un vero e proprio gioco. Unendo infatti la propensione a chattare delle giovani generazioni con la potenzialità di coinvolgimento proprie dei giochi, il progetto punta a far vivere il museo in modo nuovo e interattivo.

Lo storytelling interattivo è curato in modo da spingere i visitatori a esplorare dettagli inaspettati delle collezioni e a non limitarsi a un solo museo, ma a visitare tutti e quattro i musei (anche in giorni diversi) per poter arrivare alla soluzione finale del gioco.

Milano si avvia quindi ad essere uno dei primi esempi a livello mondiale di utilizzo di Facebook Messenger e Telegram nel campo dell’edutainment museale via game.

Il progetto, finanziato da Fondazione Cariplo, è sviluppato da InvisibleStudio, studio di comunicazione culturale con sede a Milano e Londra.

Il chatbot sarà ufficialmente disponibile dai primi mesi del 2017.

Le case-museo di Milano giocano coi chatbot Reviewed by on . I visitatori di quattro case-museo milanesi (Museo Poldi Pezzoli, Museo Bagatti Valsecchi, Villa Necchi Campiglio e Casa-Museo Boschi Di Stefano) potranno prest I visitatori di quattro case-museo milanesi (Museo Poldi Pezzoli, Museo Bagatti Valsecchi, Villa Necchi Campiglio e Casa-Museo Boschi Di Stefano) potranno prest Rating: 0

Leave a Comment

scroll to top