sabato , 24 giugno 2017

Home » Dai musei » allestimento » Quello di cui nessuno parla: i bagni dei musei

Quello di cui nessuno parla: i bagni dei musei

aprile 10, 2017 5:54 pm by: Category: allestimento, Dai musei Leave a comment A+ / A-

Di Giuliano Gaia

Da diversi anni ho una fissazione personale: verificare come i musei progettano i propri bagni. Sono infatti convinto che i bagni dei musei siano una grande occasione perduta: insieme col Bookshop e il Caffè, fanno parte di quei servizi accessori alla visita che in verità sono essenziali per completare l’esperienza del visitatore. Eppure i musei non sembrano rendersi conto delle loro potenzialità; in Italia, poi, è già un ottimo risultato trovarli puliti.

Di seguito riporto alcuni piccoli esempi di come alcuni musei in Italia e all’estero hanno cominciato a muovere qualche passo nella direzione di una “valorizzazione” di questi luoghi ingiustamente trascurati. Disclaimer: per motivi immaginabili, le mie immagini riguardano solo i bagni maschili. Se avete esperienze interessanti riguardanti “l’altra metà”, siete pregate di postarle nei commenti, ve ne saremo grati!

Questioni di stile

Per la maggior parte dei musei, la riflessione sui bagni si limita alla progettazione degli stessi in uno stile architettonico compatibile con quello generale del Museo.

Prendiamo ad esempio la nuovissima Fondazione Prada di Milano, dall’architettura al tempo stesso severa e neoclassica:

prada1

I suoi bagni sono ovviamente in linea con lo stile minimal/chic:  griglie industriali, scintillare di acciaio e file di neon.

FondazionePrada2
Anche la ritirata ha un aspetto cyber e abbastanza inquietante:

FondazionePrada

 

Varcando il confine, la severità non si attenua. Il nuovissimo Museo di Arte Contemporanea di Lugano (Lugano Arte e Cultura) è spigoloso e aggressivo nei volumi esterni  tanto quanto è bianco e luminoso negli spazi interni.

lugano3

I suoi bagni offrono una linea di manufatti duchampiani allineati e granitici come in un film di Kubrik, col biancore tipico del White Cube.

lugano2

 

Proprio di fronte al Museo, invece, un bagno pubblico ultratecnologico esplora direzioni diverse, ma ugualmente inquietanti, come l’unione di lavandino e tazza,

lugano4

e apposito buco per depositare le siringhe dopo l’uso.

lugano1

Lontano da queste durezze contemporanee, le Gallerie d’Italia di Milano offrono un museo dalle atmosfere eleganti stile Belle Epoque,

gallerie

e i bagni non sono da meno, con inserti originali in legno che non sfigurerebbero nel Grande Gatsby.

Gallerie_dItalia

 

Il segreto è nei dettagli

A volte lo stile viene rispettato in piccoli dettagli, quasi impercettibili a occhio nudo.

Il Mudec di Milano, ad esempio, fedele alla propria vocazione multiculturale, ha re-interpretato in chiave “etnica” l’eterno simbolino del WC:

Mudec

Il Museo dell’Automobile di Torino, invece, utilizza grosse viti per i rubinetti, richiamando sottilmente il patrimonio industriale torinese.

MuseoAuto2

Infine, il Museum of London non si fa scappare (è il caso di dirlo) nessuna occasione per promuovere le proprie mostre.

MuseumofLondon

Creatività spinta

Ma è fuori dai musei che dobbiamo rivolgerci se vogliamo avere esempi più spinti di creatività applicata al tema.

I due artisti Elena Cavallo e Silvestro Reimondo hanno una personalissima visione del “successo” nel loro studio del centro storico di Genova.

elena_cavallo

Mentre al National Theatre di Londra è stata creata per lo spettacolo Wonder.Land un’originale postazione di Realtà Virtuale. La domanda quindi diventa: il futuro potrebbe essere questo?

Wonder.Land

 

Update maggio 2016

Grazie a Daniele Meregalli per averci inviato una bella foto dei coloratissimi bagni della British Library di Londra!

E grazie anche a Lavinia Galli che ci segnala i bagni curatissimi del Neues Museum di Berlino, recentemente ristrutturato da David Chipperfield.

Cinzia Lacchia del Museo Borgogna di Vercelli ci manda immagini degli splendidi bagni affrescati del suo museo. Visitarlo è un’esperienza artistica a tempo pieno!

Museo Borgogna

 

Update luglio 2016

La Royal Institution è un centro per convegni scientifici e sede del Faraday Museum con l’esatta ricostruzione del laboratorio del grande scienziato inglese. L’istituzione ha uno stile che corrisponde alla solennità del suo nome ed è il trionfo del classicismo britannico.  Il bagno conferma questa austera impostazione e non manca di far sentire l’occhio vigile dei grandi scienziati del passato anche durante i propri momenti più intimi, come si può vedere nella foto.

Bagno Royal Insititution Londra

 

Update settembre 2016

Una bella fotografia di Maria Chiara Scuderi presa nei bagni del MACRO di Roma, con effetti visivi tra Kubrick ed Escher.

Bagni MACRO

 

 

Update febbraio 2017

Abbiamo visitato il nuovissimo Design Museum di Londra (aperto a novembre 2016)

Design Museum London

E ovviamente siamo andati a documentare il bagno – dal gusto decisamente minimal, come testimoniato dai wc, anche loro di design.

IMG_0983

Anche se neppure un museo nuovo di zecca sfugge alla “maledizione del dispenser di sapone“: per quanto l’architetto preveda dispenser elettronici, alla fine si finisce sempre con l’usare il buon vecchio dispenser di sapone, alla faccia del bagno digitale.

IMG_0984

 

Update aprile 2017

La nostra fan e appassionata di musei Maria Chiara Scuderi ci segnala addirittura un’opera d’arte dentro a un bagno museale: siamo nei bagni femminili del  Victoria and Albert Museum di Londra e l’opera è Six Circles in Disorder dell’artista svizzero Felice Varini.

Six_Circles_in_disorder

Tornando in Italia, vi segnaliamo anche i bagni molto d’impatto della Triennale di Milano, che sfruttano abilmente un’illuminazione scenografica.

triennale

Quello di cui nessuno parla: i bagni dei musei Reviewed by on . Di Giuliano Gaia Da diversi anni ho una fissazione personale: verificare come i musei progettano i propri bagni. Sono infatti convinto che i bagni dei musei sia Di Giuliano Gaia Da diversi anni ho una fissazione personale: verificare come i musei progettano i propri bagni. Sono infatti convinto che i bagni dei musei sia Rating: 0

Leave a Comment

scroll to top