• Musei-it

"Le Parole del Museo" di Ludovico Solima: 3 motivi per leggerlo assolutamente.

Di Giuliano Gaia

Fotografia parziale della copertina del libro "Le Parole del Museo" di Ludovico Solima. La copertina è blu, con al centro un quadrato chiaro con le seguenti informazioni: le parole del museo. Un percorso tra management, tecnologie digitali e sostenibilità. Ludovico Solima. Prefazione di Alberto Garlandini. Carocci Editore. Studi Superiori.
Copertina del libro "Le parole del Museo" di Ludovico Solima, Carocci 2022
  1. Perchè ha una visione di ampio respiro. Ho conosciuto Ludovico molti anni fa, nei primi anni di Musei-it. Allora non eravamo tanti ad occuparci dei musei online, e ci si conosceva più o meno tutti. Una cosa che mi ha sempre colpito del suo approccio è quello di avere una visione al tempo stesso teorica e concreta della tecnologia, associando la riflessione intellettuale alla sperimentazione pratica, e questo è emerso molto bene dai progetti che ha seguito e appoggiato in questi anni. Prendiamo il lavoro con il Museo Archeologico di Napoli, uno dei musei del quale è consulente; le sperimentazioni come il fortunatissimo videogioco "Father and Son" sviluppato da TuoMuseo sono state accompagnate dall'elaborazione di un vero e proprio piano strategico, con una corposa parte digitale ma che si inserisce in una visione di più ampio respiro. Questo approccio si riflette anche nel libro. Prendiamo ad esempio la voce "accessibilità": in quattro pagine intreccia la Costituzione italiana, la stampa 3D, il costo dei biglietti del museo, le esigenze degli anziani, la Realtà Aumentata e i social media. Questa visione ampia dell'accessibilità si ripete in molte altre voci, e ci spinge a non chiudere mai i concetti e le azioni in recinti chiusi che non servono a nessuno.

  2. Perchè è un libro scritto in modo chiaro. Parlando di accessibilità, troppi libri risultano poco accessibili, scritti in modo confuso e poco pratico. Lo sforzo di chiarezza di Ludovico in questo lavoro è invece evidente, sia nella scelta delle parole che nella struttura dei concetti e delle frasi. Il risultato è un libro di facile lettura, anche se la complessità dei concetti proposti lo rende tutt'altro che banale.

  3. Perchè è innovativo. Il libro è sia innovativo nei contenuti, dato che cerca di essere fortemente attuale dando conto degli sviluppi più potenzialmente interessanti della tecnologia, dall'Internet Of Things agli NFT, sia sperimentale nella forma, intrecciando un testo cartaceo tradizionale con un ipertesto digitale. Infine, ho amato molto l'indice infografico, che trovate qui sotto, che si propone non soltanto come un vezzo estetico e una strizzata d'occhio alle mode più recenti, ma anche come un affascinante labiriinto intellettuale, in grado di collegare tra loro termini apparentemente distanti come la Responsabilità Sociale e la Realtà Aumentata, ricordandoci che in ogni cosa di umano, e soprattutto nella cultura, tutto rimanda a tutto.

Indice infografico che uniscie, tramite linee di diverso colore, i diversi termini spiegati nel libro, creando dei percorsi da una parola all'altra.
Indice infografico del libro di Ludovico Solima


241 views0 comments
musei-it-logo-def.jpg